Eso Peluzzi

Cairo Montenotte, Savona 1894 – Monchiero, Cuneo 1985
Ha studiato all’Accademia Albertina di Torino dal 1911 al 1915 dove ebbe come maestri Paolo Gaidano e Giacomo Grosso e ha esordito nel 1922 alla Società promotrice di Belle Arti con una mostra personale.

Nel 1924 ha esposto a Milano, alla Bottega di Poesia, 93 opere recensite da Carlo Carrà.
Dal 1926 al 1948 ha partecipato alle Biennali di Venezia, dal 1931 al 1948 alle Quadriennali d’arte di Roma.
Ha esposto alle mostre italiane di Baltimora, Berlino, Amburgo, Vienna, Budapest, Lipsia e Parigi.
Ha eseguito diversi lavori di affresco, tra cui il Coro degli Angeli nella basilica del Santuario di Savona nel 1928 e, nel 1936-38, ha dipinto alla Sala Consigliare del Municipio di Savona la storia della città, completandola nel 1972 con gli episodi della guerra di liberazione.
Nel 1948 si è stabilito definitivamente a monchiero dove ha iniziato un lungo periodo di lavoro ispirato all’ambiente delle Langhe.
Nel 1954 Savona gli ha dedicato a Palazzo Comunale una mostra antologica.
Nel 1963 è stato nominato Accademico di San Luca.
Cairo Montenotte nel 1977 e Torino nel 1979 gli hanno dedicato imponenti antologiche.
Nel 1982 ha esposto “I violini” a Cremona, nel Palazzo Comunale.
Nel 1983 è stato invitato alla mostra de “Il Novecento italiano 1923-1933″, al Palazzo della Permanente a Milano.